Vaginosi Batterica

Vaginosi batterica: rischio più alto con l’uso di vaselina : dosaggio, prezzo, recensioni e effetti collaterali

Pubblicato: 12/04/2013 00 Commenti |
Invia con Facebook Invia con Twitter Invia e-mail Notizie Salute Share
L’uso di vaselina aumenta il rischio di vaginosi batterica

Chi fa uso di vaselina è soggetto a vaginosi batterica

Le donne che fanno un uso di vaselina in modo frequente, dovrebbero fare attenzione, poiché l’utilizzo di questo prodotto espone ad un rischio più elevato di infezioni dell’apparato genitale. La notizia è il risultato di uno studio condotto dallo staff della dottoressa Joelle Brown dell’Università della California e pubblicato sulla rivista “Obstetrics & Gynecology”.

Gli esperti hanno constatato che la vaselina favorisce, in particolare, l’insorgenza della vaginosi batterica, un’infezione molto comune che colpisce numerose donne. Dalla ricerca è emerso che, il rischio di essere colpiti da questa condizione è maggiore addirittura del 50% per chi utilizza questo petrolato.

Come riconoscere la vaginosi batterica?

La vaginosi batterica è un’infezione diffusa, determinata dall’attacco di microrganismi patogeni in presenza di un’alterazione della flora batterica vaginale. Ad ogni modo, questa condizione non deve allarmare, poiché è facilmente curabile, tuttavia, se trascurata può degenerare in patologie ben più serie e, soprattutto, rende più vulnerabili al contagio di malattie sessualmente trasmissibili.

Per tale ragione, è necessario saper individuare i sintomi del disturbo, in modo tale da intervenire tempestivamente con una cura adeguata. In realtà, saper riconoscere la presenza di una vaginosi batterica in corso non è sempre facile, poiché, questa infezione si manifesta spesso in modo asintomatico.

A maggior ragione, le donne che fanno un frequente uso di vaselina e che, quindi, sono maggiormente esposte alla possibilità di essere colpite da questa condizione, devono stare particolarmente attente a sintomi quali bruciore durante la minzione, prurito, dolore durante i rapporti sessuali e perdite anomale.

Uso di vaselina e vaginosi batterica: come regolarsi?

Le donne che fanno uso di vaselina, come già detto prima, devono prestare attenzione alla presenza di eventuali sintomi e, inoltre, dovrebbero sottoporsi con regolarità a visite ginecologiche, per scongiurare l’eventuale presenza di infezioni ed intervenire con un trattamento specifico.

Va ricordato che la vaselina aumenta il rischio di vaginosi poiché favorisce la crescita di batteri patogeni a causa delle sue proprietà alcaline. In questo senso, sarebbe preferibile limitare l’uso di qualunque detergente e prodotto non specifico, in quanto possono alterare l’equilibrio batterico vaginale.

Aggiungi Commento